The news is by your side.

Viene dimessa dall’ospedale, muore in casa a 23 anni. La famiglia vuole chiarimenti

Pratola Peligna. Viene dimessa dall’ospedale ma muore a distanza di quattro giorni per cause ancora da accertare. Si tratta di Cristina Perna, giovane di 23 anni che lunedì scorso non si era sentita bene e si era recata al pronto soccorso di Sulmona, dove le viene somministrata una flebo, diagnosticata una broncopolmonite e rimandata a casa. Ma Crdownloadistina, non ce l’ha fatta, sabato sera, a distanza di quattro giorni, è morta nella sua casa di Pratola Peligna dove viveva con i genitori che hanno tentato invano di salvarla quando ha perso i sensi ed è caduta a terra sbattendo la testa. Per la giovane non c’è stato più niente da fare. Una morte del tutto inaspettata e avvolta dal mistero sulla quale parenti a amici vogliono avere dei chiarimenti. Anche gli agenti della compagnia dei carabinieri stanno cercando delle risposte, ma ufficialmente non è stata aperta nessuna inchiesta, cosa che potrebbe avvenire oggi quando i militari consegneranno il rapporto sull’episodio al procuratore capo. E’ la sorella di Cristina, Anna Rita, che non si rassegna a questa morte improvvisa e punta il dito sulle scarse cure i mancati controlli da parte del personale medico del pronto soccorso di Sulmona, dove la giovane si era recata in seguito a un malore. La salma è stata portata nella chiesetta della Madonna della Neve a Pratola. Da sabato sera l’intero vicinato è accorso per rendere l’ultimo saluto alla sfortunata ragazza. I funerali sono previsti per questa mattina alla Madonna della Libera.