The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

“Voi qui rappresentate tutti gli italiani”, Mattarella premia 56 eroi tra medici, volontari, professori

“Voi qui rappresentate tutti gli italiani”. E’ la premessa con cui Sergio Mattarella apre la cerimonia di premiazione al Quirinale per la consegna di 56 onorificenze al merito agli ‘eroi’ che si sono distinti nella lotta al Coronavirus. I nomi dei premiati erano stati già resi noti lo scorso 3 giugno ma il Capo dello Stato ha voluto omaggiare personalmente chi nei mesi della pandemia con il proprio lavoro o decidendo di fare volontario, ha dato il proprio contributo nella battaglia contro il Covid. Molti sono medici: dal team dello Spallanzani a quello del Sacco a chi volontariamente ha deciso di andare a sostituire in piena zona rossa, a Vo’Euganeo, i colleghi messi in quarantena.

Ma tra i nuovi Cavalieri della Repubblica ci sono anche volontari della Croce Rossa, insegnanti, un alpino, un’addetta alle pulizie, un giocatore della nazionale di Rugby. Nella lista c’è poi Don Fabio Stevenazzi, della comunità pastorale di San Cristoforo di Gallarate (Va), che nei mesi più duri della pandemia decise di tornare a fare il medico nell’ospedale di Busto Arsizio. Le prime a ricevere la pergamena dalle mani del Capo dello Stato però sono state Annalisa Malara e Laura Ricevuti, anestesista di Lodi e medico di reparto di medicina di Codogno. A loro va il merito di aver curato Mattia il paziente 1 italiano quando il 20 febbraio decisero di sottoporlo ad un tampone dopo aver saputo che era stato a cena con una persona rientrata dalla Cina. Di Codogno anche Giuseppe Maestri, il farmacista che durante il lockdown percorse 100 km al giorno per andare a lavorare nella zona rossa. “In quel momento Vo’ sembrava una zona di guerra”, era l’immagine con cui Mariateresa Gallea, Paolo Simonato e Luca Sostini, i tre medici di famiglia di Padova che andarono in piena zona rossa per sostituire i sanitari in quarantena, ricordavano la città. Premiato il team dell’Istituto Malattie Infettive Spallanzani, che ha contribuito ad isolare il virus, composto da 9 membri di cui 6 donne. Tra loro anche Francesca Colavita all’epoca precaria e poi assunta subito dopo. Stesse onorificenza anche al team di ricerca dell’ospedale Sacco e dell’ università degli studi di Milano considerati poli di eccellenza nell’ambito del sistema sanitario nazionale e di ricerca. Lombarda anche Concetta D’Isanto, addetta alle pulizie di un ospedale milanese in rappresentanza tutti quei lavoratori che hanno permesso alle strutture sanitarie di andare avanti nel corso dell’emergenza. Tra nuovi Cavalieri anche Renato Favero, il medico che insieme all’ingegnere Cistian Fracassi ebbe l’idea di adattare una mascherina da snorkeling a scopi sanitari. ‘Ho fatto quello che mi sentivo di fare’, raccontava Rosa Maria Luchetti, la cassiera dell’Ipercoop di Mirafiore di Pesaro che donò tre tessere prepagate da 250 euro ad operatori del 118. Neo-Cavaliere della Repubblica (assente però alla cerimonia) anche Mata Maxime Esuite Mbanda’, terza linea della nazionale di rugby, madre italiana e padre congolese che nei mesi della pandemia, con lo sport fermo, faceva il volontario sulle ambulanze dell’associazione Seirs Croce Gialla di Parma.

Il primato del più giovane premiato va invece a Giacomo Pigni, 24enne neo laureato in giurisprudenza che insieme ad una ventina di studenti coordinò la consegna la consegna della spesa alle persone sole nel suo comune, Legnano. Cavalieri anche Irene Coppola che realizzò, a sue spese, migliaia di mascherine inventandone anche una trasparente per leggere il labiale in modo da aiutare le persone sorde e Alessandro Bellantoni che con il suo taxi e gratuitamente accompagnò una bambina di 3 anni da Vibo Valentia al Bambin Gesù per un controllo oncologico. In rappresentanza degli Alpini della protezione Civile del Veneto, Mattarella ha voluto premiare Bruno Crosato che insieme alla sua squadra ripristinò in tempi record 5 ospedali dismessi dalla Regione. Assente oggi al Colle, infine, Pietro Floreno, da oltre 10 anni malato di Sla che mise a disposizione della Asl per i malati di Covid il suo respiratore di riserva.